LITURGIA

EVENTI

GALLERIA FOTO

Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

S T O R I A

 

 

 


La chiesa di San Pietro Apostolo è uno dei più antichi monumenti romanici del territorio ardeatino. La sua vicenda costruttiva si svolge in almeno tre fasi collocabili tra la metà del IX e la fine del XVI secolo.

- Al periodo IX-XII secolo risale il corpo principale, di impianto romanico, comprendente i pilastri centrali e parte del lato volto a levante. Opera costruttiva poggiante sulle fondamenta di un preesistente tempio arcaico. Le alzate delle mura perimetrali furono erette con scaglie ottenute dalla frantumazione dei massi squadrati arcaici in tufo locale, dalla calda patina a riflessi di oro antico.

- Ai primi del XIII secolo, sotto il governo dei benedettini della Basilica di San Paolo, la Chiesa, per interessamento dell'abate Giovanni Caetani (ardeatino) e del Camerlengo Cencio Savelli (futuro Papa Onorio III), venne ampliata ed arricchita da elementi architettonici ed artistici, incorporando inoltre il tozzo campanile a canna quadrata, che in origine svolgeva la funzione di torre vedetta per l'avvistamento di navi saracene.

- La terza fase costruttiva risale ai secoli XIV-XV-XVI, coincidente all'avvento dei feudatari (Orsini-Colonna-Caffarelli-Cesarini-Sforza Cesarini). L'edificio si trasforma in Chiesa baronale, subendo radicali trasformazioni edilizie e architettoniche, quali lo spostamento dell'ingresso centrale (da ponente a levante), il rifacimento del prospetto della facciata con il tetto a due falde dalle capriate a vista, con i tetti ad una sola falda spioventi all'esterno a copertura delle aggiunte navatelle laterali, e con la costruzione dell'ampio abside di forma semicircolare che accoglie l'altare maggiore.

La Chiesa assume così definitivamente la sobria linea architettonica che ci è pervenuta attraverso i secoli, malgrado il crollo del campanile e della navatella di destra avvenuto nel XVI secolo. La ricostruzione e il definitivo restauro fu eseguito negli anni '40 per diretta volontà dell'allora capo di Governo B. Mussolini in occasione di una sua visita ad Ardea.

 

 

 

 

 

  

     HOME PAGE                                                  AVANTI

CHI E' ONLINE

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

CONTATORI

083609

Login Form

ULTIMISSIME
 

La Parola